Shopping cart
€0,00

Reflusso faringolaringeo: cos’e?

Sintomi reflusso gastroesofageo

Il reflusso faringolaringeo è una condizione spesso sottovalutata ma significativamente fastidiosa, che coinvolge il ritorno del contenuto dello stomaco fino alla gola e alle vie aeree. Questo fenomeno può manifestarsi attraverso una serie di sintomi debilitanti, tra cui tosse persistente, raucedine, sensazione di un nodo in gola e difficoltà nella deglutizione.

A differenza del reflusso gastroesofageo, non è necessariamente accompagnato da bruciore di stomaco, rendendo la sua diagnosi più complessa.

Quali sono le cause del reflusso faingolaringeo?

Le cause possono essere molteplici e comprendere una combinazione di fattori dietetici, abitudini di vita e condizioni mediche preesistenti. Tra questi, la disfunzione del sistema di barriera gastroesofageo svolge un ruolo chiave, permettendo agli acidi e agli enzimi dello stomaco di risalire nell’esofago e nella gola. Altre cause possono includere una dieta poco salutare, il fumo di sigaretta, l’obesità e alcune condizioni mediche come l’ernia iatale o il diabete.

Come prevenire il reflusso faringolaringeo?

Per prevenire il reflusso faringolaringeo e gestire i suoi sintomi, è fondamentale apportare alcuni cambiamenti nello stile di vita e nelle abitudini alimentari. Una dieta equilibrata, evitando cibi e bevande che possono rilassare lo sfintere esofageo inferiore, può essere cruciale. Ridurre il consumo di cibi grassi, cioccolato, caffeina e alcol, e evitare pasti abbondanti prima di coricarsi, possono contribuire a ridurre i sintomi.

Mantenere un peso corporeo sano e smettere di fumare sono altrettanto importanti per prevenire il reflusso faringolaringeo. L’obesità aumenta la pressione sull’addome, facilitando il reflusso, mentre il fumo può rilassare lo sfintere esofageo inferiore, favorendo il ritorno del contenuto gastrico nell’esofago e nella gola.

Come trattare il reflusso faringolaringeo?

Nel trattamento del reflusso faringolaringeo, si sta gradualmente affermando un approccio che valorizza gli ingredienti naturali. Sostanze come lo zenzero e l’aloe vera hanno dimostrato di offrire benefici significativi nel ridurre i sintomi e proteggere la mucosa esofagea. Lo zenzero favorisce la motilità gastrica e riduce la formazione di gas intestinale, mentre l’aloe vera ha proprietà cicatrizzanti e protettive per la mucosa.

Prodotti come Esogel rappresentano un’opzione terapeutica che abbraccia questa prospettiva naturale. Formulato con ingredienti naturali mirati a colpire diverse sfaccettature del reflusso gastroesofageo, Esogel offre un approccio integrato e sicuro per il trattamento del reflusso faringolaringeo, riducendo il rischio di effetti collaterali associati a trattamenti convenzionali.

reflusso faringolaringeo; reflusso

Acquista su Amazon

Contattaci

Non categorizzato
Articolo precedente
Nausea in Gravidanza: Come affrontarla
Articolo successivo
Reflusso laringofaringeo: cos’è e come si cura?
Verified by MonsterInsights